5 - Itinerario subacqueo

Secca del Careno

Clicca per ingrandireTra Capo Sant'Andrea e le Formiche della Zanca, la grande Secca del Careno s'innalza fino a 14-20 metri dalla superficie. Il lato rivolto verso la costa scende in modo graduale a profondità contenute, mentre quello verso il mare aperto forma una franata che con ampi terrazzi scivola oltre i 40 metri. La morfologia del fondale è costituita da un continuo susseguirsi di grossi massi sovrapposti che danno origine a tane, grotte e stretti cunicoli in cui dimorano molti pesci di scogliera come labridi, serranidi e blennidi. Nelle zone più riparate dalla luce si può ammirare lo sviluppo di spugne e tunicati, come la trasparente Clavelina lepadiformis o la rossa Halocinthya papillosa, che donano pennellate di colore alle rocce. Il versante più bello è quello rivolto a nordovest dove superate le batimetrie dei 30 metri, scendendo lungo pareti formate da enormi massi, ecco apparire gorgonie, aragoste e molti scorfani. In questo tratto di costa la vita è rigogliosa grazie alla presenza di costanti correnti che trasportano elementi nutritivi indispensabili allo sviluppo di molte forme biologiche. Come sulla maggior parte delle secche anche qui si può assistere al passaggio di dentici e ricciole che si avvicinano a questi fondali alla ricerca di prede.

Gli Itinerari Subacquei dell'isola d'ELBA

I - Lo Scoglietto di Portoferraio  2 - Capo d'Enfola e lo Scoglio della Nave  3 - Punta Nasuto  4 - Punta della Madonna   5 - Secca del Careno  6 - Formiche della Zanca  7- Relitto di Pomonte  8 - Secca di Fetovaia   9 - Secca di Capo Fonza   10 - Scoglio della Corbella   11 - Capo Stella   12 - Scogli dei Gemini    13 - Scoglio della Focacciaiola    14 - Scoglio del Remaiolo    15 - Picchi di Pablo    16 - Sassi neri    17 - Punta delle Cannelle   18 - Lo Junkers 52

Home ElbaSun

www.elbasun.com - il sito del SOLE
webmaster: webmaster@elbasun.com

Per gentile concessione dell'Azienda di Promozione Turistica dell'Arcipelago Toscano (prot. n. 8031/13)