Proponi un argomento

Ginecologia


LA SAGGEZZA DELLA TERZA ETA’

Il periodo della vita che ciascuno di noi vive dopo l’età riproduttiva era prima denominata “vecchiaia”, con una parola quasi dispregiativa.

Anche oggi, con i vorticosi cambiamenti ai quali assistiamo, pensiamo che solo i giovani abbiano tutte le possibilità di vivere bene: l’introduzione di nuove monete, la comunicazione con i telefonini ed Internet, spaventano i più grandi che temono di rimanere emarginati.

E coloro che si sentono aggiornati e capaci di assorbire queste novità, mostrano sicurezza e qualche volta arroganza.

Ma io paragono spesso il volgere della nostra vita a quella di una foresta: prima piante esili, insicure con tronchi che si possono rompere al vento; poi lo sviluppo di forza, la produzione di fiori e frutti, poi l’arricchimento del sottobosco ed infine la “maturità”: lo splendore di alberi giganteschi, la ricchezza di erbe ed insetti che si nutrono e trovano riparo fra le foglie cadute, il riparo sicuro per gli animali dai più piccoli insetti agli uccelli, ai mammiferi.

L’ultimo percorso della vita è quello più affascinante, perché è la somma di tutta l’esperienza accumulata negli anni precedenti, è la capacità di resistere ai dolori, alle privazioni, è l’intelligenza di saper affrontare le difficoltà e di assaporare anche i più piccoli piaceri: un profumo, un periodo di salute, un gesto affettuoso.

I giovani, affannati nel capire la vita, nel volerla vivere in fretta e talora tutta in una volta, spesso non hanno tempo per assaporarla, per centellinarla.

L’unica sofferenza vera può essere la solitudine: la perdita del compagno o della compagna. L’importante, in questi casi, è di non chiudersi in se stessi e cercare fra amici e familiari una continuità di amicizia e di affetto indispensabile ad ogni essere umano.

Qualche volta si ha la fortuna di trovare un’altra persona, che non potrà mai sostituire nella memoria un marito o una moglie amati a lungo, ma che potrà offrire ancora occasioni di compagnia e di tenerezza.

E’ bello vedere una coppia di persone con i capelli bianchi che ancora si tengono per mano, che passeggiano pacatamente guardando i negozi del centro o che sorseggiano un aperitivo seduti ad un bar.

Quasi sorge un piccolo sentimento di invidia: alla loro età si vogliono ancora bene!

Forse la donna non avrà la pelle fresca ed il corpo come Monica Bellucci e l’uomo non avrà più il fisico di Raoul Bova, ma è tutto oro quello che luccica?

Dottoressa Manola Dell'Orso

 

Home ElbaSun

www.elbasun.com - il sito del SOLE
Copyright© ElbaSun