L'inviato speciale

Livorno, 20 luglio 2000

L'inviato speciale di ElbaSun

Livorno:

stasera si esce ?

a cura di Diego Pretini
diego-pretini@elbasun.com

"Stasera, si esce?"
E' la domanda che si pongono i ragazzi livornesi nel tardo pomeI bagni Pancaldi : le feste qui sono discoteche all'apertoriggio estivo, magari dopo un' "estenuante" giornata di mare. Il più delle volte, come si può capire, la risposta è affermativa, ma il problema non è se andare, ma dove andare. E' infatti l'ostacolo più grosso, quasi insormontabile in certi giorni della settimana, decidere o meglio sapere dove andare la sera, dopo cena. Ci si salva solo in particolari giorni. Il mercoledì la Livorno giovane si può incontrare quasi esclusivamente ai BagniFortezza Pancaldi che, settimanalmente (o giù di lì) nel corso dei tre mesi estivi, offre la festa. Questa (chiamata proprio così: la festa) è un appuntamento immancabile soprattutto per i non patentati livornesi. A Livorno non ci sono discoteche (eccetto la "Atleti", bazzicata dai giovanissimi di 13-14 anni e per giunta chiusa d'estate) che possono riunire gli adolescenti labronici tra i 15 e i 17-18 anni. Per trovare un locale da ballo o si va lungo la costa (o a sud o a nord non fa differenza) o nell'entroterra pisano. E allora la festa ai Pancaldi (lo stabilimento balneare tra i più antichi a Livorno) diventa da non Effetto Venezia : è la salvezza dei giovani Livornesi in agostoperdere. Ci si salva anche il giovedì, dove si può andare a fare due chiacchiere all'Ippodromo dell'Ardenza (i teen-ager chiamano l'evento "le corse"). No, il popolo giovane di Livorno non è così appassionato di ippica: all'Ippodromo in pochi scommettono e in tanti si mettono a lucidarsi le labbra con ghiaccioli d'ogni gusto o assiderarsi la gola con granite d'ogni sfumatura. E poi le corse sono spesso luogo di incontri rosa e un posto pieno di fresche frasche… Lasciato l'ippodromo Caprilli, i ragazzi di Livorno tirano un sospiro di sollievo, perché pensano che per fortuna le corse si ripetono anche la domenica ("sapremo cosa fare"). Calafuria : qui è stato appena aperto un Disco PubIl problema viene negli altri giorni settimanali, se non ci sono manifestazioni tipo Effetto Venezia (ad agosto, ne parleremo) o i concerti alla Fortezza Nuova (di grande qualità con artisti di livello nazionale). In caso di disperazione, dunque, ci si rinchiude in qualche airiscpab (Irishpub, stanno spuntando su come gli intenditori di vela durante la Coppa America), discopab (discopub: ne è stato aperto uno recentemente in un luogo stupendo: la torre di Calafuria, sulla costa più bella di Livorno), discobar, pianobar, musicbar, con nomi che sembrano parolacce (i più frequentati a Livorno sono The Barge sugli scali delle Cantine, il Kelly's in Piazza Cavour, la Tijuana in via dei Condotti). Insomma locali che non hanno quasi nulla di italiano (neanche l'atmosfera), escluso il listino prezzi. Adattissimi per le sere invernali, non certamente per il 18 luglio. O addirittura la dispeIppodromo "Caprilli": i ragazzi si trovano qui per due chiacchiere, una granita e magari un colpo di fulminerazione può rinchiudere i giovani livornesi in qualche sala giochi o salina (insomma la sala attrazioni). Ma sarebbe troppo e quando stroppia, la buona coscienza suggerisce che è estate e non ci si può imbullettare le mani sui bottoni del flipper; allora ci si accontenta di un bel gelato crema-cioccolata-e-panna, farcito con un po' di ciance con gli amici. E il gelato "vero" (con un po' di fila, per la verità) lo si prende o da Maria (la gelateria più famosa di Livorno nella centralissima Piazza della Repubblica) o da Adone (alla Rotonda d'Ardenza, chiusa d'inverno: bastano le entrate estive…). Proprio la Rotonda d'Ardenza è la salvezza di questi giorni: si sta svolgendo qui (fino al 30 luglio) la Festa dell'Unità, diventata ormai tradizione a Livorno. Un luogo d'incontro, certo, non proprio per giovani, come può facilmente supporre chi è un minimo esperto di queste kermesse cittadine. Ma spesso è utile e sano andare a fare due risate con i cari, vecchi, enciclopedici nonnetti che affollano gli stands della Rotonda e che a volte sono più "insegnanti" di tanti docenti liceali.


Home ElbaSun
www.elbasun.com - il sito del SOLE