Gina Gastaldi

L'inviato speciale di ElbaSun

Ceriale:

Parco acquatico Le Caravelle
Una gionata particolare

cura di Gina Gastaldi
bimbavale@elbasun.com

E' stato sufficiente alzarsi alle 8,30 per essere puntuale alle ore 9,30 davanti ai cancelli del parco acquatico "Le Caravelle". Sono fortunata abito a pochi passi dal parco e quindi è bastata una passeggiata per arrivare all'ingresso.

L'appuntamento con gli amici è davanti all'ingresso ed eccoci, infatti, tutti lì pronti e in coda per il biglietto; poi davanti al cancello che sarà aperto puntualmente alle ore 10. Si scherza, si ride, si decide dove prendere posto: davanti alla piscina ad onde. Finalmente l'altoparlante annuncia l'apertura dei cancelli ed avvisa i presenti che è vietato correre lungo la discesa che porta alle piscine. Nessuno spinge, ma in tutti si avverte l'elettrizzante voglia di essere i primi ad immergersi nella piscina limpida, accogliente, calma; il pensiero di tutti è "ecco ci sono, finalmente!" Una nuotata rilassante, qualche scherzo con gli amici e poi via, inizia la corsa verso gli scivoli. I più temerari iniziano dai "kamikaze", gli altri (tra i quali ci sono anch'io) aspettano il loro arrivo, un po' invidiosi e un po' paurosi per la velocità di discesa. Eppure ci sono bambini (non piccoli), ragazzini che riemergono dall'acqua con un gran sorriso divertito e la voglia di riprovarci. Poi si va tutti verso gli altri scivoli. Si scende da quelli da due e da quattro prendendosi per mano in una discesa collettiva trascinati dall'entusiasmo e dalla velocità, poi l'impatto con l'acqua, risate, costumi da rimettere a posto e poi su verso i "toboga". Qui si scende intervallati e all'arrivo ci si aspetta per condividere le emozioni. Caravelle_torrente_piscina1.jpg (6296 byte)Poi un giro per i vialetti del parco e una nuotata nella grande piscina nell'attesa della campanella che annuncia "le onde". Sì, perché, a determinate ore, sono azionati i motori e la piscina, da calma, si fa tumultuosa come un mare in tempesta. Si sentono urla di gioia, di finta paura e di puro divertimento. E' venuto il momento di qualcosa di più tranquillo e rilassante e quindi si va tutti al torrente: una nuotata lenta, quasi inesistente, ci si lascia trasportare dalla corrente, tutti insieme; ci si ferma alle cascate e poi ci si immerge nelle piscine di idromassaggio. Voi penserete di trovare solo vecchie signore alla ricerca del massaggio tonificante nella speranza di un miglioramento della forma fisica, invece no; la piscina è occupata da ragazzi divertiti, entusiasti dall'effetto procurato dai getti d'acqua. Appena si libera, entriamo noi e passiamo dei minuti di intenso rilassamento, ad occhi chiusi e con la mente vuota da ogni pensiero.

Questa pausa ci fa venire in mente che è ora di uno spuntino. E' difficile, ma bisogna fare una scelta: si può andare al self service dove servono piatti d'ogni tipo, dall'antipasto al dolce, oppure ai vari chioschi per un più veloce spuntino (focaccia, pizza, tramezzini, panini ecc.). A questo punto io dichiaro di voler fare una pausa rilassante e riposante sul lettino per un bagno di sole; altri preferiscono un riposino nella frescura delle zone verdi che non mancano, anzi!

In effetti, al parco ci si abbronza comunque, senza fatica in quanto è esposto al sole, ma non manca di molte zone fresche con alberi e prati.

In ogni caso la pausa non dura molto, di pomeriggio viene aperta la zona più divertente in assoluto: "rio bravo" e "rio cattivo" due fiumi rapidi discesi seduti su ciambelloni a tutta velocità, credetemi sono il massimo! Un percorso a piedi attraverso cascate e poi, con in mano il ciambellone, si salgono le scale per arrivare al punto di partenza. La prima scelta cade sul rio bravo: ci si siede sul ciambellone e poi via a tutta velocità, tra giravolte, colpi a destra a sinistra e poi si entra nella caverna buia dove c'è sempre qualcuno che lancia urla causando panico ed apprensione, ma ecco che si esce allo scoperto e via nuovamente in discesa verso la fine del fiume con stop incerto, ma sempre divertente e mai pericoloso. Si arriva un po' barcollanti, ma ridendo per il gran divertimento. Non è finita qui, è ora di andare al "rio cattivo". Stesso percorso, ma si sale di più e la discesa e nel buio più completo e ad una certa velocità. Infatti, è la discesa preferita dai ragazzi che affrontano le rapide con gran sicurezza e tranquillità. Ve l'assicuro, è un vero divertimento! Ci vuole un'altra pausa: un gelato, un caffè e poi si va tutti nella spazio attrezzato per gli spettacoli del pomeriggio. Ci si siede e si assiste allo spettacolo di clown e di ballerini. Un'occhiata anche al campo di beach volley dove squadre di ragazzi giocano per una sfida divertita.

Questa pausa ci è servita per recuperare le forze per scatenarci nell'"aquadance": una vera pista dove si balla sotto innumerevoli getti d'acqua fresca, al ritmo dei migliori pezzi musicali e con l'accompagnamento del divertentissimo Dj. L'aquadance apre nel pomeriggio e rimane in funzione sino alla fine della giornata; chi ha resistenza, voglia di ballare qui può farlo e in più può godere della splendida sensazione dell'acqua sulla pelle...

La giornata non è finita, una sosta e poi via si ricomincia come si vuole: scivoli, torrenti, piscina a onde, idromassaggio, fiumi rapidi... basta solo scegliere.

Chi ha bambini si domanderà: "e noi?" Niente paura, il parco è anche per bambini. C'è una grande piscina riservata solo a loro nella quale possono nuotare senza alcun pericolo, con scivoli e una caravella sulla quale possono salire e scendere a piacimento. Ai bordi, lettini e sdraio dai quali i genitori possono vigilare in piena tranquillità. Poi a lato della piscina ad onde una zona acquatica con, al centro, una caravella, i funghi d'acqua divertentissimi per grandi e piccoli. E poi ancora scivoli dai quali scendere con i genitori, altri giochi acquatici e non (castello incantato, piscina di palline ecc.). Se i genitori vogliono poi passare qualche ora veramente soli e senza problemi, possono affidare i loro piccoli agli animatori del baby club completamente gratuito e affidabile.

Un'altra attrazione è il trenino che attraversa il parco per un'esplorazione tranquilla, e in completo rilassamento, delle molteplici attrazioni.

Alla fine della giornata ci si ritrova tutti e nei visi degli altri leggo il loro e il mio divertimento. Visi stanchi, ma soddisfatti; abbronzatura assicurata (anzi raccomando di usare molta crema solare per evitare corse in farmacia) e nella mente il ricordo di una giornata veramente... particolare.

Raggiungere il parco acquatico è veramente facile, è sufficiente seguire le innumerevoli indicazioni dei cartelli stradali e poi lasciare la macchina nel parcheggio gratuito. Chi arriva con il treno può raggiungere il parco tramite un autobus messo a disposizione dalla "ciurma", i più allenati e chi abita nei pressi del parco... a piedi.

Probabilmente ho dimenticato qualcosa, ma sarà sicuramente un qualcosa di piacevole, siatene certi!

A questo punto posso solo augurare a tutti voi "buon divertimento!".


Home ElbaSun
www.elbasun.com

© 2002 ElbaSun - Tutti i diritti  riservati
webmaster: webmaster@elbasun.com - webdesigner: webdesigner@elifeinternational.com