28 dicembre 1895
Nascita della cinematografìa

Il "salone indiano" del Grand Café del Boulevard des Capucins a Parigi era uno scantinato di circa cento metri quadri, dotato di panchine ricoperte di finta pelle e dai muri foderati di tappezzeria arabescata. Fratelli LumièreIl proprietario lo utilizzava raramente, e fu con vero piacere che accolse Clément Maurice, amico e proiezionista dei fratelli Lumière, venuto a proporgli di organizzarvi delle sedute di Cinematografia a pagamento.

Tuttavia, quando seppe che si trattava d'una "curiosità scientifica", rifiutò la percentuale del 20% e pretese un affitto di 50 franchi al giorno. La prima rappresentazione ebbe luogo il pomeriggio del 28 dicembre 1895.

Era una rappresentazione privata alla quale Maurice e i Lumière avevano invitato dei giornalisti, dei direttori di sala di spettacolo e, per far numero, i loro collaboratori: cinquantatre persone in tutto!...

Il programma comprendeva dei film girati da Louis Lumière fra cui L'innaffiatore innaffiato e L'uscita degli operai dall'officina Lumière. I due fratelli e il loro padre, che ci teneva a essere presente, si aspettavano un successo discreto... Fu un trionfo.

L'illusionista Georges Méliès propose di acquistare il brevetto. Il signor Lumière padre gli rispose: "Giovanotto, ringraziatemi: questa invenzione non è in vendita ed è meglio cosi: essa vi rovinerebbe, poiché non ha nessun avvenire commerciale!"

Il signor Lumière si sbagliava! In pochi giorni l'incasso quotidiano, che era stato di cinquancinque franchi il 28 dicembre, sali a duemilacinquecento franchi. Si davano tre spettacoli quotidiani di mezz'ora ciascuno, e la folla s'accalcava, formando una coda interminabile. Cominciava così il successo del cinematografo...

 ***

E’ SUCCESSO QUEL GIORNO:

1897:E’ rappresentato a Parigi Cyrano de Bergerac di Edmond Rostand.
1967:L'Australia vince la coppa Davis.

 ***

RICORDIAMOLI

EDMOMND ROSTAND

Edmond Rostand nacque a Marsiglia nel 1868, morì a Parigi nel 1918. Esordì con un volume di versi, "Gli svaghi poetici", ma solo con le opere teatrali raggiunse interamente la propria fama. I suoi lavori teatrali in versi rappresentarono una reazione al naturalismo e un ritorno al romanticismo.Edmond Rostand

In essi i mattatori del tempo e delle generazioni successive trovarono personaggi magniloquenti con cui misurarsi, si pensi soprattutto a Cyrano de Bergerac, commedia eroicomica in versi. Il poeta stravagante del secolo diciassettesimo è posto al centro di una storia romantica e avventurosa: coraggioso quanto generoso, giunge non solo a sacrificare il proprio amore per Rossana a profitto di un rivale, ma a prestare a costui il proprio spirito per far la corte all'amata.

Dopo la prima rappresentazione del 28 dicembre 1897 al Théâtre de la Porte Saint-Martin, protagonista famiglia di attori drammatici francesi attiva dal secolo Diciannovesimo, Constant, detto Coquelin aîné.

Il suo vero nome era Benoît-Constant, nato a Boulogne-sur-Mer nel 1841, e morto a Couilly-Saint-Germain, Seine-et-Marne, nel 1909, fu dal 1864 socio della Comédie Française. Recitò con successo opere comiche e fu il primo insuperabile interprete del Cyrano de Bergerac, al teatro de la Porte Saint-Martin.

Il fratello Ernest, detto Coquelin cadet anch’egli nato a Boulogne-sur-Mer nel 1848 e morto a Suresnes nel 1909, interprete altrettanto valoroso, divenne socio della Comédie ed eccelse soprattutto nel teatro di Molière. Il figlio Jean fu sulle scene dal 1886 al 1922. Jean-Paul, figlio di Jean, svolge attività in teatro e alla radio. Cyrano de Bergerac nella interpretazione di Coquelin, trionfò a lungo sui palcoscenici di tutto il mondo.

***

IL FATTO

Lorenzo de’ Medici NATO A FIRENZE NEL 1449 E IVI MORTO NEL 1492

La statura politica e il mecenatismo, accompagnati dalla vasta cultura e dalla varietà di interessi, fanno di Lorenzo de' Medici, detto il Magnifico, una delle più rappresentative figure del suo secolo e dell'età umanistico-rinascimentale.Lorenzo de’ Medici

Figlio di Lucrezia Tornabuoni e di Piero della casata de' Medici, il cui potere in Firenze era stato consolidato da Cosimo il Vecchio, da adolescente compì i primi studi umanistici sotto la guida di Marsilio Ficino, Cristoforo Landino e dell'Argiropulo. Nel 1469, alla morte del padre, assunse il governo di Firenze, dedicandosi al rafforzamento politico della sua famiglia, e al consolidamento della signoria. Sfuggito nel 1478 alla congiura dei Pazzi, di cui rimase vittima il fratello Giuliano, partecipò alla guerra veneto-ferrarese, per poi assumere il ruolo di mediatore nei conflitti tra i diversi Stati italiani: la Roma papalina, la Milano degli Sforza e la Napoli dei d’Aragona, riuscendo a garantire un lungo periodo di equilibrio.

La sua spregiudicatezza e abilità politica gli guadagnarono l'apprezzamento di Machiavelli e di Guicciardini che pochi anni dopo lo ricorderanno nei loro scritti con pagine piene di ammirazione. Si circondò di intellettuali, ospitando presso la sua corte letterati come Pulci e Poliziano, e artisti come Botticelli, Lippi, Verrocchio e il Pollaiolo, dei quali raccolse numerose opere d'arte.

Nel 1472 fondò lo Studio di Pisa, dotando la città di Firenze di un’università di stato, favorì i lavori dell'Accademia Platonica, e si fece promotore di un’antologia della lirica italiana, nota come Raccolta aragonese, inviata a Ferdinando d'Aragona nel 1476.

Da accorto politico diede grande impulso all'organizzazione di feste e manifestazioni popolari, indicendo giostre e sfilate di carnevale, tese a garantirsi il consenso dei suoi concittadini. L'eclettismo di Lorenzo de' Medici si riflette anche nei suoi scritti, che abbracciano tutti i generi e le mode letterarie del tempo. Le date di molte opere non sono certe, anche se i critici hanno diviso la sua produzione in tre fasi.

Alla prima, che arriva circa al 1470, appartengono soprattutto scritti in prosa e in versi di carattere licenzioso o comico-satirico, sul modello di Pulci, di cui fu anche amico, tra cui la popolaresca Nencia da Barberino; peraltro di non sicura attribuzione.

La seconda fase 1470/84 appare dominata dall'influsso di Marsilio Ficino ed è caratterizzata da composizioni di ispirazione filosofica o religiosa. Tra queste ricordiamo l'Altercazione, dialogo filosofico in terzine, i Sette Capitoli religiosi e il Comento a 41 liriche d'amore.

L'ultimo gruppo di opere, posteriori al 1484, è percorso da una vena melanconica e da un’amara riflessione sulla caducità della giovinezza e della vita, sentimenti ben rappresentati nel suo capolavoro, il Trionfo di Bacco e Arianna, che fa parte dei Canti Carnascialeschi, il cui ritmo festoso e incalzante fa da contrappunto al senso di inquietudine e di precarietà che attraversa la canzone. A questa fase appartengono anche le due egloghe Corinto (in terzine) e Ambra (in ottave) di ispirazione classicheggiante e il poema Selve d'amore, opere in cui è evidente l'influsso di Poliziano.

***

LA POESIA DEL GIORNO

LACRIME DI PIETRA

Lacrime di pietra seppelliscono speranze
coprono le promesse e i bei ricordi
ma non riescono a nascondere la menzogna
all'ombra dell'albero dell'ipocrisia.

Lacrime di pietra mi illudono.
Mi sento più pesante e mi lascio
sprofondare nel mare, senza vita;
annientare nel deserto della verità.

Reno Bromuro

***

Un abbraccio circolare con tutto l’amore cui sono capace e l’augurio che il sole sia sempre più caldo e sincero come il vostro cuore desidera, Reno

************************
L'amore degli uomini ha un fine e una fine
L'amore di Dio è eterno e disinteressato

Torna all'indice

Reno Bromuro
reno.bromuro@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com - il sito del SOLE