13 maggio 1999
Ciampi eletto al primo scrutinio
alla Presidenza della Repubblica

Carlo Azeglio CiampiCarlo Azeglio Ciampi è stato eletto al primo scrutinio alla Presidenza della Repubblica; Giuliano Amato lo sostituirà al Ministero del Tesoro. Un’ampia maggioranza di senatori, deputati e delegati regionali ha riversato i propri voti nelle urne di Palazzo Montecitorio permettendo l’elezione del decimo Presidente della Repubblica Italiana nella persona del Ministro del Tesoro in carica, Carlo Azeglio Ciampi, nato a Livorno il 9 dicembre 1920: nel 1946 impiegato alla Banca D'Italia, dal 1979 al 1993 ne diventa il Governatore. Nel 1993-94 ha ricoperto la carica di Presidente del Consiglio.

Nel 1993 è stato il primo presidente del Consiglio non parlamentare, carica affidatagli dal presidente della Repubblica Scalfaro, in una fase di grave crisi politica, economica e finanziaria. Attuata una rigorosa politica di risanamento in campo economico, favorendo una sensibile discesa dei tassi, artefice, sul piano della politica interna, del passaggio del Paese verso un nuovo sistema elettorale di tipo maggioritario, nel 1994 ha rimesso il suo mandato.

Chiamato nel 1995 a presiedere il Competitiveness Advisory Group in seno alla Commissione Europea, Ciampi è rientrato nella politica attiva in occasione della vittoria elettorale della coalizione dell'Ulivo dell’aprile 1996 e, il 24 novembre 1996, il suo impegno si è concretizzato non solo nel rientro della moneta italiana all'interno del Sistema Monetario Europeo (S.M.E.), ma soprattutto nell'ingresso dell'Italia nell'Euro insieme con i primi undici Paesi.

 ***

RICORDIAMOLI

13 maggio 2000 "Il terzo segreto della Madonna di Fatima"

Nel giorno in cui si celebra la beatificazione dei due pastorelli, cui apparve la Madonna nel 1917, papa Giovanni Paolo II ha affidato al Cardinale Sodano il compito di rivelare per la prima volta il terzo segreto della Madonna di Fatima, i primi due profetizzavano la guerra mondiale e l'avvento del comunismo e furono resi noti da Suor Lucia, l'unica testimone dMadonna di Fatimaelle apparizioni, nel 1940. Il terzo segreto riguarderebbe il secolo appena trascorso e le sofferenze che i sistemi atei hanno inflitto alla Chiesa. La Madonna nel 1917 indicò ai pastorelli la visione di un vescovo vestito di bianco che cammina faticosamente verso la croce e cade a terra come morto per i colpi di arma da fuoco. Parole che inevitabilmente riportano alla mente l'attentato al Papa del 13 maggio 1981: Papa Wojtila disse subito che quel giorno una "mano divina" aveva deviato la pallottola partita dalla pistola di Ali Agca.

Giovanni Paolo II è il 264° Papa, 263° Successore di Pietro. Karol Józef Wojtyła , eletto Papa il 16 ottobre 1978, nacque a Wadowice, città a 50 km da Cracovia, il 18 maggio 1920. Era il secondo dei due figli di Karol Wojtyła e di Emilia Kaczorowska, che morì nel 1929. Suo fratello maggiore Edmund, medico, morì nel 1932 e suo padre, sottufficiale dell’esercito, nel 1941. A nove anni ricevette la Prima Comunione e a diciotto il sacramento della Cresima. Terminati gli studi nella scuola superiore Marcin Wadowita di Wadowice, nel 1938 si iscrisse all’Università Jagellónica di Cracovia. Quando le forze di occupazione naziste chiusero l’Università nel 1939, il giovane Karol lavorò dal 1940 al 1944 in una cava ed, in seguito, nella fabbrica chimica Solvay per potersi guadagnare da vivere ed evitare la deportazione in Germania.I pastorelli che a Fatima videro la Madonna

A partire dal 1942, sentendosi chiamato al sacerdozio, frequentò i corsi di formazione del seminario maggiore clandestino di Cracovia, diretto dall’Arcivescovo di Cracovia, il Cardinale Adam Stefan Sapieha.Fu uno dei promotori del"Teatro Rapsodico",anch’esso clandestino.

Dopo la guerra, continuò i suoi studi nel seminario maggiore di Cracovia, nuovamente aperto, e nella Facoltà di Teologia dell’Università Jagellónica, fino alla sua ordinazione sacerdotale a Cracovia il 1 novembre 1946.

Successivamente, fu inviato dal Cardinale Sapieha a Roma, dove conseguì il dottorato in teologia, con una tesi sul tema della fede nelle opere di San Giovanni della Croce. In quel periodo, durante le sue vacanze, esercitò il ministero pastorale tra gli emigranti polacchi in Francia, Belgio e Olanda. Nel 1948 ritornò in Polonia e fu coadiutore dapprima nella parrocchia di Niegowić, vicino Cracovia, e poi in quella di San Floriano, in città. Fu cappellano degli universitari fino al 1951, quando riprese i suoi studi filosofici e teologici. Nel 1953 presentò all’Università cattolica di Lublino una tesi sulla possibilità di fondare un’etica cristiana a partire dal sistema etico di Max Scheler. Più tardi, divenne professore di Teologia Morale ed Etica nel seminario maggiore di Cracovia e nella Facoltà di Teologia di Lublino.

Il 4 luglio 1958, il Papa Pio XII lo nominò Vescovo titolare di Ombi e Ausiliare di Cracovia. Ricevette l’ordinazione episcopale il 28 settembre 1958 nella cattedrale del Wawel (Cracovia), dalle mani dell’Arcivescovo Eugeniusz Baziak.

Il 13 gennaio 1964 fu nominato Arcivescovo di Cracovia da Paolo VI che lo creò Cardinale il 26 giugno 1967. Partecipò al Concilio Vaticano II con un contributo importante nell’elaborazione della costituzione Gaudium et spes. Il Cardinale Wojtyła prese parte anche alle cinque assemblee del Sinodo dei Vescovi anteriori al suo Pontificato.I pastorelli che a Fatima videro la Madonna

Dal 1978 fino ad oggi, ha convocato quindici assemblee del Sinodo dei Vescovi: sei generali ordinarie (1980, 1983, 1987, 1990; 1994 e 2001), un’assemblea generale straordinaria e otto assemblee speciali (1980, 1991, 1994, 1995, 1997, 1998 [2] e 1999).

Nessun Papa ha incontrato tante persone come Giovanni Paolo II: alle Udienze Generali del mercoledì, oltre mille hanno partecipato finora più di sedici milioni di pellegrini, senza contare tutte le altre udienze speciali e le cerimonie religiose, nonché i milioni di fedeli incontrati nel corso delle visite pastorali in Italia e nel mondo; numerose anche le personalità governative ricevute in udienza: basti ricordare le trentotto visite ufficiali e le altre seicentocinquanta udienze o incontri con Capi di Stato, come pure le duecentododici udienze e incontri con Primi Ministri. (dal Sito Ufficiale del Vaticano)

***

IL FATTO

ALI’ AGCA SPARA AL PAPA

Mercoledì 13 maggio 1981 in Piazza San Pietro c’è udienza generale: la folla festeggia il passaggio del Papa. Giubilo e commozione, preghiere e applausi si fondono tra loro. Giovanni Paolo II, come al solito, abbraccia i suoi fedeli, stringe mani, benedice bambini. Sono le 17 e 19, due colpi di pistola e la piazza scossa e incredula ammutolisce. L’attentatore, Ali Agca, è immediatamente arrestato.

Ali Agca è nato nel gennaio del 1958 a Yesiltepe in Turchia, ai confini con il Kurdistan; faceva parte dell’organizzazione terroristica di estrema destra, chiamata "lupi grigi", nata come risposta al golpe militare che aveva portato al potere il generale Evran. Il loro obiettivo: rendere pubblica la causa del popolo turco contro le mire espansionistiche dei paesi occidentali. Agca, già nel 1979 aveva ucciso Abdi IpeKci, giornalista di spicco del quotidiano democratico Milliyet. Detenuto nel carcere di massima sicurezza di Kartel Maltese, riuscì ad evadere grazie all’aiuto dei suoi amici militanti.

Nel 1979, durante il viaggio di Papa Wojtyla in Turchia, dichiara esplicitamente di voler uccidere il Sommo Pontefice. Nonostante l’avvertimento, il 13 Maggio 1981, in un normale pomeriggio in Piazza San Pietro andrà molto vicino alla realizzazione del suo proposito. Il Papa sarà trasportato all’ospedale Gemelli: ferito ad una mano e all’addome. In un primo momento le sue condizioni sembrano critiche, ma con il passare del tempo la situazione apparirà meno tragica di quanto si pensasse. Un’infezione costringerà i medici ad un secondo intervento, ma tutto si risolverà per il meglio. In questi momenti di tragica apprensione, il mondo intero chiede quali siano le forze che hanno armato la mano di Agca.

Il 22 luglio 1981, dopo soli tre giorni di processo i giudici della corte d’Assise condannano all’ergastolo Ali Agca. L’ipotesi di minorazione psichica dell’imputato, sostenuta dai suoi difensori non sta in piedi. Per i giudici, dietro Agca vi è l’opera di un’organizzazione eversiva rimasta nell’ombra. Sono anni difficili, il mondo è diviso in due blocchi contrapposti, da un lato gli Stati Uniti e le potenze occidentali, dall’altro la Russia e le forze comuniste. Lo stesso Agca, dopo un anno, iniziò a collaborare con la giustizia. Dalle sue confessioni partirà un nuovo filone che porterà ad indagini ed arresti: la pista bulgara, il Kgb. La sentenza del 1986 non dimostrerà però l’esistenza di un complotto, dopo tre anni si arrivò all’assoluzione di quasi tutti gli indagati. Negli anni seguenti cambierà ripetutamente versione. Parole contraddittorie che contribuiranno ad infittire il mistero. Agca parlerà di ufficiali dei servizi segreti americani che gli avrebbero garantito la libertà dietro rivelazioni fasulle sul Kgb e la pista bulgara. Altri, come Oral Celik, presunta spalla di Agca in piazza San Pietro, hanno ipotizzato che il misterioso mandante andasse ricercato nell’intreccio politico-finanziario che vedeva coinvolto l’Istituto Ambrosiano di Roberto Calvi e lo IOR.Roberto Calvi

Dietro questi intrecci vi era il fine recondito di destabilizzare il Vaticano e lo Stato italiano. Il fitto mistero dietro il quale si cela la verità su quel tragico attentato ha accentuato una visione mistica degli avvenimenti: il terzo mistero di Fatima, che afferma (come ho già anticipato) che "Un vescovo bianco che cade colpito da una pallottola fra le rovine di una chiesa ormai obsoleta, ecco la visione di Lucia, la pastorella alla quale le rivelazioni della Madonna avrebbero svelato il terzo mistero di Fatima. L’enigmatica rappresentazione del "vescovo bianco" è stata al centro di accesi dibattiti nel mondo cattolico e la mancata trascrizione della terza parte del segreto ha contribuito ad infittire il mistero. Ali Agca, in una lettera al cardinale Casaroli dichiara di essere l’esecutore materiale, lo strumento di un progetto divino, la mano armata di una volere superiore. Papa Wojtyla, invece, convinto che i proiettili fossero stati deviati dalla Madonna, recatosi a Fatima nel giugno del 2000, le renderà grazie facendo incastonare il proiettile nella sua corona".

Dopo anni d’indagini non è stata svelata l’entità che si celava dietro la mano attentatrice del lupo grigio. Nel giugno del 2000, in seguito alla proposta dell’allora ministro di Giustizia Pietro Fassino, il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha firmato la grazia per Agca. Il Papa aveva più volte manifestato il suo perdono all’attentatore ed è stato uno dei maggiori sostenitori dell’atto di clemenza. Scampato all’ergastolo comminatogli in Italia nel 1982, una volta estradato in Turchia, Agca sconterà solo alcune condanne per reati commessi in patria. In Turchia gli restano da espiare quasi vent’anni di reclusione per l’uccisione del giornalista Abdi IpeKci e per una rapina in un’industria di Istanbul. La recente approvazione nel Parlamento turco del provvedimento di amnistia potrebbe, però, portare, entro cinque anni, alla sua scarcerazione. Si avvicina, dunque la libertà per l’uomo che nel maggio 1981 ha attentato alla vita del Papa, l’uomo che si lascia alle spalle uno dei grandi misteri irrisolti degli ultimi anni.

Biobibliografia "Chi ha armato la mano di Alì Agca? di Tobia De Stefano

***

LA POESIA DEL GIORNO

LETTERA D’UN FIGLIO

Padre
se anche non fossi mio padre
ugualmente ti amerei per te
stesso.
Se mi tornassi questa sera accanto
troverei per te un pianto da bambino
e gli occhi s’aprirebbero al sorriso.
Ricordo le lontane stagioni
quando detestavo la tua immagine
perché mi prendeva la libertà:
i cinque minuti per sentirmi io.
Non capivo che mi proteggevi
dalla vita e da giorni ingannevoli.
Con gli anni ho imparato ad amarti
e ho sofferto molto per capire.
Ho combattuto con l’immaturità
e i limiti del mio carattere
per riuscire a sentire cosa sei
veramente per me: due occhi puri
e un cuore immenso che sa donare;
ma non lo capivo e non facevi
niente perché lo comprendessi.
Ora sono in bilico sul primo gradino
della vita e aspetto che qualcuno,
forse tu, Padre mio, se ne accorga.
Non mi hai accompagnato fin qui
ma forse, papà, un pezzo di strada
lo possiamo ancora fare insieme.
Padre
se per una volta mi avessi stretto
le mani nelle tue l’Universo intero,
così grande ci avrebbe visti insieme.
La storia già scritta ha lacerato
tutti i sogni nostri e li ha impressi
sul tuo volto stanco. Adesso
che non ci appartengono più
li tocco.
Ascoltiamo insieme la melodia
del silenzio. Facciamola nostra,
ora, questa Pace; ma ora, subito,
che domani potrebbe essere tardi.

Reno Bromuro (da Poesie nuove)

***

Un abbraccio circolare con tutto l’amore cui sono capace e l’augurio che il sole sia sempre più caldo e sincero come il vostro cuore desidera, Reno

************************
L'amore degli uomini ha un fine e una fine
L'amore di Dio è eterno e disinteressato

Torna all'indice

Reno Bromuro
reno.bromuro@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com - il sito del SOLE