ROS2BAR2.GIF (514 byte)

ElbaSun...

Impressioni da Stella

ROSECURL.GIF (3918 byte)

Ti affacci alla finestra della tua stanza preferita, nella tua casa, e il panorama, benché rimanga immutato, non ti annoia, macché!
C’è sempre una sfumatura che l’altra mattina o l’altro giorno, mentre tendevi i panni ad asciugare, non avevi visto.

E riesci a godere di questo, perché tutto fa parte della vita che stai fortunatamente vivendo.

No, dai non sono discorsi da pazza! Ditemi di no! Sono discorsi di un’anima; fatemi sentire che ogni tanto anche voi parlate con l’anima!
Dico questo attaccata al vetro della mia finestra pensando che tanti mi possano sentire e so che non è cosi, purtroppo.

Avete mai guardato la luna di notte? Cosi, tanto per farlo, senza un motivo preciso, giusto perché sai che è lì….

Ma … forse … accidenti, pensavo d’essere l’unica ad averlo fatto, e invece siete in tanti, è così?

Riuscire a comprendere il senso della vita, è un’impresa che si è ormai dimostrata impossibile. Ci hanno provato in tanti da quando è iniziata la storia dell’uomo e da quando l’uomo stesso ha cominciato ad usare la propria intelligenza stendendo così le pagine della storia.

Una persona comune, dunque, come me, come voi, quali speranze può avere di riuscire in un’impresa del genere?

E’ difficile però riuscire a sfuggire quelle domande che, talvolta, vengono spontanee e che ci affliggono: perché esisto?

Quale sarà il mio futuro?

Che cosa lascerò ai miei figli?

Spesso ci si consola pensando che lasceremo case, soldi, possessi, ma tutto questo è solo bene materiale!

Vorrei…

Poter lasciare…

Ai miei figli…,

e non solo a loro,

il ricordo di me,

qualcosa di più…

anche solo una parola, che li aiuti, in questo mondo, a combattere, in modo che essi possano vivere come vogliono, senza che si sentano

mai

condizionati dai pensieri e dalle azioni degli altri, con l’unico desiderio di stare bene con se stessi e con gli altri.

Per questo il mio cuore è una porta aperta ormai, volete entrare?

D’altra parte, pensiamoci un po’ su… chi è che non ha pensato a questo, credo sia nella ragione insita del vivere stesso: le giornate scorrono in fretta e furia ed ognuna ha il proprio colore, molto spesso lasciamo che le dipingano di grigio.

I colori più vivi sono quelli delle gite domenicali e del fine settimana, effettivamente quell’andare via, “staccare” la spina dalla presa di corrente della vita quotidiana, mollare tutto e tutti, dà un senso di benessere e di ricarica di tutto l’animo.

Sono delle vere e proprie fughe da ogni cosa, da ogni evento, dalla gente, dai parenti, dall’ambiente di lavoro, dalla città.

Sono proprio queste giornate così intense di colori e di musica che ti permettono di ascoltare le note più alte del vivere.

E non ti rimane altro che cercare, quando puoi, anche di notte, di stendere per iscritto quei pensieri che passano convulsamente, rapidamente, attraverso la testa, altrimenti perderesti proprio tutto.

Non sono altro che appunti, piccoli, minuscoli, asterischi che rappresentano però dei punti fermi, dei riferimenti ai quali rivolgersi quando siamo stanchi, annoiati, nel buio della tristezza, pensando di trattenere, per un momento solo, e solo per un momento, il tempo, perché non ci abbandoni.

Ogni giorno che vivi, vorresti che fosse il migliore per te, il più bello di tutti e pensi che il più bello e il più piacevole deve ancora venire, cadi e ti rialzi, rischi, giochi, tutto della tua vita, e aspetti ancora risposte.

Aspetti che il tempo ti lasci un momento, uno solo, che sia tutto tuo, nel quale tu possa dare il meglio di te stesso.

Spesso non basta, eh, no! C’è bisogno d’aria, di sole, d’energia, di colore, di sole.

E’ cosi.

…E poi…

…E poi c’è Elbasun, il sito del sole: il sole è una pila, dà energia, ricarica.

Elbasun è come casa mia, c’è sempre qualche angolo del panorama che credevi noto, ma che non lo è, e non ti stanchi mai di osservarlo.

La stellacometa guarda il sole e la luna della foto di Ruggiero: sono suoi simili e lei ci ha dialogato per tanto tempo…… Le stelle comete non ritornano mai nel nulla, hanno le loro orbite e il loro tempo, ma esistono al di là di tutto!

I satelliti invece hanno un'orbita definita e nella loro mobilità sono soggettivamente statici ed inutili.

E ora, il sole e la luna sono lì, fermi, impressionati su questo video a cristalli liquidi, latore di sensazioni ed emozioni notevoli.

Alle undici di una mattina chiara e pulita, la stellacometa entra nella costellazione di Elbasun, dopo un viaggio in treno con il mare che la accompagna ed il paesaggio che via via diventa più crudo e selvaggio: il preludio della Maremma.

Pensate che sia contraddittorio che esista una stella alla presenza del sole?

Eppure….

Io amo vedere le cose dal mio punto di vista…cosi, entrata in punta di piedi, timidamente, presentando me stessa solo con alcuni dei “asterischi”, adesso mi trovo a far parte dell’anima di questa “casa”: ricevo gli ospiti offrendo loro pensieri, anziché il caffè... rilassa di più e stimola alla riflessione.

Le fotografie scattate sono solo momenti di questa giornata speciale: il sole dietro ad un albero solitario sembra nascondere il panorama, ma non è così, lo sguardo si allunga fino alla Corsica, ve l’ho detto, cielo pulito, oggi.

ElbaSun… il sole che attraverso i rami a raggiera dell’albero della vita che, cruda e talvolta violenta, sembra nascondere il panorama, ma lo sguardo si allunga e si illumina: cielo pulito.

Alla sera, nella tiepida sera settembrina, il cielo scuro si accende di tante piccole stelle ed è quasi peccato venire via. Sembra di abbandonare il senso di benessere e di vitalità che per tutto il giorno ti ha riempito.

Energia estrema o infinito relax: scegli un po’ te…... tutti e due?

Ma…... torno a casa e ……ElbaSun c’è.

Sito: parola fredda, troppo distante per definire Elbasun.

ElbaSun è casa.

ElbaSun ti voglio bene.

Torna indietro

Stellacometa settembre 2000

stellacometa@li.technet.it