Occhi di fonte

Ai margini,
ghiacciai perenni.

Tuffo occhi intirizziti
in smeraldi di fonte.

Galleggia il cuore,
-torsolo di mela inquieta-
acrobatando.

Rimpianto d’utero materno:
caldo e stridulo il parto
-specchiati fiordaliso del cielo!-

Urlano le labbra dei senza-baci
-libera me! Libera me!-

Ti vorrei cucire
le palpebre bianche
sul cenotafio del mondo.

Balliamo in punta di spillo
mentre un ramarro ci osserva
da un solo occhio.

Torna indietro

Vento

vento@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com - il sito del SOLE