Alla nonna morta

Nonna mi senti?

Ti chiamo
con la voce ancora infantile
come quando eri in vita.

Nonna!

Ricordo quel tuo caldo viso
in cui si leggevano segni
di tanta esperienza,
e d’un’esistenza or triste ora serena.

Nonna!

Rammento il tuo sorriso
e quella tua voce così cara,
così dolce e materna.

Rimembro allorché la sera,
accostati in preghiera,
le tue mani coprivano le mie
ed i nostri occhi
contemplano il cielo stellato.

Dov’è ora quel volto?

Dove sono ora quel sorriso
e quella voce di nonna?

E’ tutto serrato
nel freddo d’una fredda bara
ed una lastra di marmo ci separa.

Torna indietro

Silvana Pagella

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com