A "Quel Castello di Diegaro"

Nel ricordo taci
non dire nulla
rimani in ascolto di quel ritmo lontano
appena udibile sull’esile trama della speranza:
cristalli di pensieri che sotto la tonda luna
nell’anima si ricompongono
Cosi ci sorprende la notte
con mani di velluto sulla mia pelle, sulla tua pelle
mentre di luna la luce affilata
trapassa quel tenero bacio che rompe le sequenze del tempo
e l’autunno appena inoltrato in primavera si rinnova.

(a Maurizio)

Torna indietro

Silvana
22/10/2006

Home ElbaSun
www.elbasun.com