Pensieri

...e mi si accumulano dentro con morsi fugaci,
le celle di attimi notati appena in strade caotiche di solitudine,
con poi, infine, sfoghi concitati in parole giÓ scritte,
in tanti sguardi riflessi, in lunghe noie represse,
in bisogno maledetto di voler urlare,
urlare qualcosa contro gli altri,
di voler parlare, parlare con una tizia nel caso,
di voler lasciare, lasciare tutto lontano da me,
di voler sdraiare, sdraiare il mio corpo nell'abbandono,
di voler morire, morire il mio corpo nell'energia,
di voler entrare, entrare nell'universo di sensazioni,
di attimi, di immagini, di infiniti, infiniti universi paralleli,
giÓ, solamente celle, piccole momentanee celle anch'esse,
nel mio dentro, come la vecchia che bussa alla porta
per darmi un altro Cristo e la nipotina dietro,
visto tutto, in un attimo,
come il mormorio di una sorellina in casa
che chiede amore, amore, e ti soffia sul braccio  la morbida carne secolare,
come il mio volto, volto di buio nello specchio,
ed accanto a me mezza candela accesa,
e trema, e lo sguardo allucinato nell'apparenza di quiete,
visto tutto in un attimo, che Ŕ poi tutto anche esso.

indietro

Salvo

pasem@tiscalinet.it

Home ElbaSun
www.elbasun.com