Lu testamentu te nu mesciu te scola

Na fiata, quandu inzieme se mangiava,
a ogni bivuta nu brindisi se usava.
Mo’ tice ca li tiempi su’ cangiati:
cu ll’occhi storti te guardane l’invitati.
Mo’ se mangia citti citti e penzierusi,
cu lu piattu te la pasta intra li musi.
Li brindisi nu’ ssu cchiui t’etucazzione,
soprattutto pe’ la gente t’istruzzione.
Tocca ccunti te scola, te pulitica,t’economia,
addhru cca brindisi alla compagnia.
……………………………….
Vabbene, sarà ca iti raggione
e lu brindisi è fori tiscussione,
però cinca stae a stu banchettu
armenu ave sentire stu sunettu.
………………………………

Osci 9 giugnu annanti stu cunsessu
Scrivu e sottuscrivu quantu sott’appressu.
Se poi viddru ca ticu ni ncrisce a quarchetunu,
lu precu prima zziccu ‘me tescia lu pardunu.

Lassu a lli vajuni, ma senza na speranza,
l’amore pe’ lu studiu e no’ pe’ la vacanza;
ma comu nu rimorzu a npiettu iu me sentu
pe’ quanti sta me ticune : - Iu nu’ su’ cuntentu! –
A quisti sfaticati, viziati e strafuttenti,
ca tuttu hannu vulutu senza dare nenti,
iu ticu ca è rrivata l’ora te la bella…
nu’ ndau mancu na lira ma solu na carzettella!

 

Lassu a lli colleghi la vecchia mia cartella;
nu n’è te gran valore e mancu tantu bella;
ma tene tante cose ca suntu ncora bone
pe’ ci le sape usare cu sensu e cu ragione.
Li libri e li quaterni, cu tutti li strumenti,
Li lassu a cinca vinne sempre senza nenti.
La forbice ca ncora taja na bellezza
A cci la malalingua nu’ nbozze ni se spezza.

 

Li chiovi e lu martieddru cu basciane all’Antoniu
ca ‘nnanti lla fatica è comu nu tamoniu;
nun dice mai te none a cinca lu comanda
ma trinchia cittu cittu e affanculu lu manda.

La borza ormai vacante la tati a lla Lucia
Ca cu lu tamme tamme e cu lu pia pia
Me pare na furmica ca s’azza la farina
Cu tegna previdente la mattra sempre china.

 

Me pare c’aggiu tatu nu pocu a tutti quanti
e puru nu sbujore me sentu a lli vacanti.
Vo’ bi’ ca è quarchetunu ca m’aggiu riscurdatu?
Cazzo … la dirigente … nenti ni aggiu tatu!
Me cuardu intru la borza… me cuardu intra le posce…
Che scornu direttrice… cu perdu moi la voce.
Le votu sottassusu, le sbotu t’intra e fore…
Vulia cu trovu armenu na cosa te valore.
Ma puru ca te chiangi … ma puru ca te cratti …
Però… mo’ ca ci penzu… te lassu la Moratti!-

Note dell'autore:

Ho provato a riscrivere in italiano il sonetto per dare la possibilità a tutti di comprenderlo, ma a rileggerlo è una pena. Privo di rima, di lessico dialettale, di humour, è risultato un aborto.

Se può bastare posso accennare brevemente l’idea e il contenuto del sonetto. Ispirandomi a Trilussa, l’ho scritto in occasione del mio pensionamento e l’ho proposto durante una cena tra colleghi.

In esso io lascio tutto ciò che professionalmente possiedo:

agli scolari lascio l’amore per lo studio oppure un bel niente;

ai colleghi che venivano agli incontri senza niente lascio libri, quaderni, penne, ecc.;

ai colleghi maldicenti lascio le forbici che troveranno nella mia cartella;

al bidello Antonio, sempre pronto ad eseguire ogni comando, lascio il martello e lo scatolo contenente chiodi, puntine, ecc.;

alla bidella Lucia lascio la cartella vuota tanto ci penserà lei a riempirla recuperando tutto ciò che gli altri gettano via;

alla dirigente scolastica, non avendo più niente né nella cartella né nelle tasche, lascio … la Moratti (si può intendere il ministro oppure la sua riforma).

 

 

Note dell'autore:

Torna indietro

Salvatore Muscella
Addì 9 giugno 2006

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com