Mi tormenta una fanciullezza

Mi tormenta una fanciullezza prepotente
mi assilla il giorno della spigolatura,
solchi interminabili sotto sole cocente,
voce robusta e sfottente: "non temere per le mani,
principino, un'altra spiga lý, dietro, all'inizio
del solco. Dai, principino, trotta".

Mi tormenta prepotentemente la fanciullezza
giorni d'autunno, vigneti immensi, uva dorata:
pane quotidiano per sfamare giorni di guerra.

Mi trema dentro questa fanciullezza:
ragazzi giÓ affamati dilaniati dalle bombe,
giovani morti tra fiamme e grida di sirene;
bambini lamentosi prima della nascita
per la guerra e per il padre sconosciuto;
donne in attesa di un orgasmo dimenticato.

Mi urla nel cervello, la saggezza dei nonni
che non avrebbero voluto la guerra
sfidando con sguardo fiero chi imponeva
gagliardetti, camice nere e sfilate.

Quanto mi tormenta questa fanciullezza!

Torna indietro

Reno Bromuro
Roma 13/7/1978

rbromuro@inwind.it

Home ElbaSun
www.elbasun.com