I silenzi della montagna
e le voci del mare

Sciarbottano onde
sulla spiaggia rullano.

Granelli di sabbia ruzzano
sfregando sordamente.

Spuma si stende,
schiudonsi mille bolle.

Gabbiano stridulo stridiň.

Scogli neri frenano onde
con colpi sordi e gorgoglii,
scaturiscano inattesi sprizzi
arrancanti al cielo.

Onde su onde frangono
sordi boati e freschi chioccolii.

Balzerebbero freschi chioccolii
dal torrente, borbotta fonte.

Sotto le suole sfregano
sassi con sordo rumore,
ruzza acciotolando pietra
smossa dal passo deciso.

Vento leggiero sfila,
fra i rari arbusti,
e ammanta come sudario
l'intera roccia.

Irrompe breve nell'azzurro
gridiň d'un rapace
virgola sul silenzio.

Torna indietro

Renato Lonža
5 febbraio 2008

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com