Ombre

Il viso al lei viso,
occhi grandi e luminosi,
desiderio, un accenno.

Al bálenio di una fiammata
al volto Lei si ritrasse.

Affioravano inquietanti ombre
un attimo, tolsero il viso.

Senza guardare si parlarono.

Poi le parole rimasero,
sospese fra denti e lingua,
pronte rotolare fuor di labbra.

Lei alzň lo sguardo,
incontrň i suoi occhi.

Rivelare i sentimenti,
una tortura, per loro,
un acuto dolore, stordiva,
sopportabile un momento,
una sensazione riempiva
le vene di un fluido ardente.

Colta dal panico lei farfugliň.

Lui la guardň.

Le labbra schiusero in un arcano sorriso,
come bevesse lei ritrasse la gola.

Rideva di lui, degli uomini, dell’amore.

Piangeva.

Torna indietro

Renato Lonža
2/3/2004

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com