Orrore

Stille di sangue,
chiazze sparse,
brandelli, dilaniate
vittime sacrificali,
carbonizzati resti.
Ferocia innumerata
nel nome innominabile,
vittoriosa la spietatezza
cieca come cieca pietra.
Negli occhi voragine di paura,
sulla bocca ansia interrogativa.
Qual č la misura dell’orrore?

Torna indietro

Renato Lonža
14/9 per “Strage di Beslam”

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com