Nella notte d'argento pieno

Non avevo mai vissuto prima di svelare
il lucente segreto di labbra innamorate
e trovato l'immortalità dei baci.

Adesso so che esisto, perché col cuore vibro,
facendomi sfiorare, vento tra le persiane,
dall'emozione del fiore tuo appena socchiuso.

Mi sento cercato, anche quando, ingenuo,
perdo le parole giocando col silenzio,
l'avverto dal tuo abbandono,
alambicco in costante ebollizione.

Saporita, delicata come le fragole,
nei tuoi occhi mi smarrisco...
sei la goccia, l'acqua, l'oceano che
mi rutila dentro assieme al sangue.

Spicchio di sole e scorcio di luna,
m'assopisco e mi risveglio nei tuoi pensieri
e accetto questa realtà che pure è pronta,
a ogni piè sospinto, a gettarmi
nel niente dell'errore, nella solitudine
del gretto inganno... ma.. .posso,
posso perdere tutto ora, ora che ti ho.

Il nostro amarci fino a morire...
respiro che va al respiro,
mani che s'inerpicano febbrili
per i viottoli del desiderio,
pelle che s'inebria di gemiti e sospiri...
...mio Dio, sei stupenda
con quella seta nera sulle gambe...
nella notte d'argento pieno
l'infinito ruggisce in tutto il suo nitore.

Indietro

Piero

pierputi@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com