La casa del mare

Profuno di rosmarino e buganvillee,
miagolii di gattini sbucati dai rovi,
ombre lunghe di nodosi ulivi
inerpicati su per la collina.

Gradini spossanti eppure amati,
su cui con la forza della giovinezza,
salivo veloce, i bimbi fra le braccia.

Frastuono di spiaggia affollata,
brusio indistinto e lontano,
fragore di onde in burrasca,
tramonti infuocati sul mare.

Oggi che tutto è scomparso,
i figli grandi per la loro strada,
la casa del mare mai più mia,
ancora ripercorro quella scala.

In sogno ritorna la fatica,
l'eterno vago arrancare,
in un incessante andare.

E la tristezza amara del risveglio,
estati perdute non vi ritroverò più!
__________________________________________

Indietro

Piera Alloatti

piera51@yahoo.it