L'INFERNO

L'inferno
il sole che fa sembrare argento
il sudore sulla fronte degli operai

l'inferno tornare a casa e sentirsi estraneo
in mezzo a dialoghi che sono vapori di fiato
che sa di anime putrefatte,corrotte
con un vigliacco silenzio
in cambio dell'agguato di certi pensieri
che erano passati a trovare il cuore
ora cimitero clandestino
che le facce da esibire hanno cancellato
dalla ricorrenza

l'inferno una donna che nasconde gli occhi
dietro una rosa quando ti vende al delirio

l'inferno il pasto consumato in fretta
al prezzo di un'anima promessa a chi solo spera
e un corpo ceduto per tempi incerti
con la finta di essergli distante

l'inferno guardarsi allo specchio
e vedere con paura un volto
che sembra prenderci da dietro

l'inferno guardare per caso all'orizzonte
e dover chiedere senza risposta al sole
se si sta consegnando all'alba o al tramonto
mentre una mano si posa sulla spalla
e ci dice non ti preoccupare
dove andremo non c' da confondersi
far sempre buio
.... la morte ..........
figlio incredulo della terra.

(dal volume amori scaduti di un'essere qualunque)

Torna indietro

Michael Santhers

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com