ATMOSFERE PERSE

Nella pignata
al bollito di maiale
la vecchietta aggiunse le rape

Piccole bolle
come da bocca di naufrago
che lotta per rimanere in vita
uscivano ai lati del coperchio
che di tanto in tanto si sollevava
come crosta di terra
spinta da un animale alla scadenza
del letargo

Ai bordi
simile a bava di lumaca sazia
una piccola schiuma
si allungava e si ritirava
intenta a voler disegnare una geografia
soddisfacente e lontana da ogni guerra

Tenuto alla distanza giusta
il fuoco come un'atleta che chiude
una carriera, partecipava al gioco
con distacco e di tanto in tanto
una fiammella confermava la presenza
del calore pił intento ad allearsi
all'anima e non alla cottura

Vorticava nel silenzio la melodia di una fanciulla
e nell'aria le delizie del suo cuore
accarezzavano le orecchie del gatto
che si trovava a metą tra il paradiso dei profumi
e il nettare dell'anima che si scioglieva in voce

Soave dormiva il bambino nella culla
con la bocca aggiustava le mascelle rosa
rapite dai sogni dietro le scie di un seno

Come cornice che racchiude occhi di pace
le finestre facevano vedere i coriandoli di neve
che lenta scendeva a volersi scusare
dei passi nel disagio di forme di vita
attanagliate dalla fame
incantate dalla pace
assorbite dal silenzio.

(dal volume silenzi voci dall'inferno)

Torna indietro

Michael Santhers

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com