L'angelo

Ancora negli orecchi rimbombi cupi
esplosioni d'una guerra non voluta;
negli occhi il volto rabbioso
di un nemico mai odiato;
dita affondate nel fango
di una vita disprezzata.
Disperato tentativo di non finire, rantolando,
preghiera o grido,
ti cerco con l'ultimo fiato
ti chiamo, ma nel silenzio del campo di morte
Tu taci
eppure vicino braccia pietose,
sė, Ti riconosco,
protese a soccorso,
il tuo nuovo angelo,
curano ferite antiche
e non sono solo
non sono pių solo.

Indietro

Macmax2
3 Marzo 2001

rqbevi@tin.it

Home ElbaSun
www.elbasun.com