Primavera

Prende forma nell’animo
il trasparente fiore
sbocciato nell’incertezza
che pretendeva amore.

Innocenti bisbigli
di trepidanti attese
tingevano inquietudine
sulla tela di esili tracciati.


Quanti semi interrati
nel prato dell’adolescenza
diventati vuoti macigni.


Ora che l’impeto langue,
nella cornice tarlata
s’interrompe la strada.
Accartoccia il tempo
rose ingiallite da lanterne.


Fili d’argento
rimpiangono primavere
avvelenate
da inutili malinconie.

Torna indietro

Giuliana Franco

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com