I poeti di Fonteviva Ritorna all'indice dei Poeti di Fonteviva

I suoi capelli

I suoi capelli, erano un ciuffo di stelle
che brillavano nella mia mente avida.
I suoi occhi, erano dardi di luce
che trafiggevano il mio cuore.

Di rubino che arde era la sua bocca,
interminabili sorsi di champagne i suoi baci,
ebbro in quel mar il senno mio tacea,
perduto nel tepor dolce dell'abbandono.

La sua pelle era morbida creta,
era il profumo del mare,
leggera come l'aria,
calda come il fuoco.

Sul talamo di Eros, lontani dal mondo,
vagavamo in balėa del nostro amore,
tra le tremule stelle complici
dei nostri desiati sogni.

Quando, repentino, un dardo di gelo ci colpė,
Eros allibito fuggė.
Una cortina di ghiaccio spense il nostro futuro.
Un'onda impietosa cancellō le nostre orme.

Torna indietro

Orazio Ottaviani

poeti-fonteviva@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com