Chi siamo

 caduta la carne
svelati a noi stessi:
non più enigma che arrovelli
(restano unghiate sulla carne
del cielo a presenza
d’un sentire stuprato):

allora l’essere si aprirà
la luce schiuderà le braccia
saremo seme fiore stella - le
prismatiche facce del Sé -
allora in noi

non più un vedere attraverso
uno specchio in enigma: sarà un camminare
sulle acque

(alla luce dell’epistéme*
avrà la kènosis**
vitrea trasparenza)

*epistéme = conoscenza
**kènosis (qui sta per concetto di) = svuotamento del divino.

[da FUOCO DIPINTO – 2002]

Indietro

Felice Serino

felice.serino@elbasun.com

Home ElbaSun
www.elbasun.com