L'avarizia

Signore,io che non sono niente
ti scrivo e ti racconto
ma tu giÓ sai
quanto bene sprecato agli avari
passa agli dei.

Dov'Ŕ quell'amica che ho aiutato
a sperare,ad avere simil felicitÓ
di cui ognuno ha disagio?

Non servo pi¨ o forse son soltanto una vergogna?

Ho aiutato un'amica
e mi ha ignorato.

Che fa quell'uomo compreso e perdonato
per cui 1000 ferite
hanno percosso il mio animo
delicato e mai curato?

Ho amato tanto un uomo
e mi ha calpestato.

Con chi si fa lustro
l'artista che ho esaltato
e gridato "Maestro"
quando non era nessuno?

Ho dato lode ad un artista
e mi ha mortificato.

Quale coscienza
d'un uomo condannato a morire
agita la vita ridata
da preghiere e sapienze?

Ho pregato per un malato
e mi ha dimenticato.

PerchŔ un padre e una madre
non accettano consigli
opprimendo in fastidi
e con fiato grosso c'aiutano?

Sono figlia diletta
ed Ŕ sempre poco.

Quanta pazienza
a trattar da signori di tutto punto
lo stesso sangue
acido e superbo!

Felice d'aver tanta stirpe
e son sempre sola.

E' il mio bene sprecato agli avari,
gli altri vogliono tutto per sŔ
e niente per me
Ŕ il resoconto.

Ho dato tutto
e ricevuto niente.

Ho dato tanto
come hai dato tanto Tu
e non ho ottenuto niente
come te in questo tempo di evasioni morali
e di follie straordinarie.

E pensare che a vista d'altri
siamo noi gli avari...!!

Torna indietro

Chýride

 

Il mio bene sprecato agli avari-
(L'avarizia:7'vizio capitale.. la poesia fa parte della serie.."i 7vizi capitali")

Home ElbaSun
www.elbasun.com