Donatemi una favola

Una notte
sognando
paesaggi marini
granelli di sabbia assopiti,
di un passato gli amori,
la rabbia di un ieri lontano
e
inermi dolori,
lacrimando
i miei occhi tacquero.

Legati rimasero,
all'angolo di una caduca esistenza.

Il cuore si spense
e
una melodia lenta
pace donÚ
scemandosi
lentamente
con il suono
attraverso dei piccoli ed eterni
bagliori antelucani.

Il mio sogno,
sempre meno sogno
mi ridiede il vero
in cui viviamo.

Il vero!

Questo piccolo neo,
che morde e fugge,
giocando.

Torna indietro

Alessandro Gioia

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com