Viaggiare

Non ho mai viaggiato,
ho contato le mie ore
in questa misera stanza o fuori,
nel fango.

Le nuvole, che sbarazzine ondeggiavano,
nuvole dai fianchi bianchi,
io le ho viste,
ma non le ho mai rincorse.

Le mie bottiglie mi davano calore,
e il mio fegato giallo rideva.

Con il mio capo poggiato sul cemento,
da piccolo, contavo le formiche,
e contento di starmene là ad oziare,
le osservavo lavorare,
ridevo.

Le briciole pesanti
sulla loro schiena da insetti
parevano ferro.

Come loro non ho viaggiato, ma io
non ho concluso nulla.

Torna indietro

Alessandro Gioia

 

Home ElbaSun
www.elbasun.com