Speciale Mondiali 2002 

"Quando il Pignolo rompe le... "

Trappoloni, non Trapattoni

Nel precedente sfogo, a caldissimo (e non perché qui da tre giorni ci sono 35 gradi con un vento africano), ho detto di tutto un po’. Però avevo tanta rabbia in corpo e tante idee in testa che mi sento in dovere di completare.

Intanto diciamo che voci molto insistenti e attendibili danno Pierluigi Collina come principale candidato alla direzione della finale del trenta giugno. Arbitro MorenoOra quindi si capisce perché c’hanno buttato fuori a pedate nel culo: volevano un arbitro capace di intendere e di volere in finale. Dato che tra quelli visti al Mondiale di arbitri che sappiano distinguere un pallone da calcio da uno da pallacanestro ce ne sono due-tre, la Fifa del capo-genialoide Joseph Blatter ha pensato bene di avere il migliore arbitro in finale. Se poi in finale giocano (perché il calcio lo fanno le squadre e non gli arbitri) cani e porci, chi se ne frega. Ma se vogliono le festicciole con tutte le nuove federazioni mondiali per premiarle del loro appoggio nelle votazioni per la presidenza, sono liberi di farlo. Lo facciano pure, ma non nel Mondiale. Lo facciano a casa di Blatter (che la deve avere grossina, contando… vabbè). Un bel rinfresco, “viva gli sposi!” e sono tutti contenti. Ma non si può rovinare il campionato mondiale dello sport più famoso al mondo per premiare le federazioni di Trinidad e Tobago e del Qatar perché hanno dato il voto a favore di Blatter piuttosto che all’altro candidato. Per fare due risate in compagnia ci sono le osterie, non i Mondiali.

E così ai quarti di finale ci sono gli Stati Uniti, sfacciatamente favoriti da un arbitro di cui non voglio nemmeno cercare il nome sui giornali; c’è il Brasile che aveva subito il gol del Belgio agli ottavi ma l’arbitro giamaicano, evidentemente cocainomane,Moreno e Vieri ha fischiato perché pare abbia visto un pop-corn cadere da una balaustra: chissà come sarebbe finita; e c’è la Corea del Sud che, vista la vergogna di martedì, presumibilmente ha promesso all’arbitro di diventare finalmente umano e non restare un bambolo di pezza.

Non è solo nell’aspetto che Byron Moreno (via con la canzone di Zucchero) somiglia un bambolo. I bamboli si possono muovere, a loro si può dire qualsiasi cosa. Soprattutto: i bamboli sono mossi dai padroni.

E i padroni del calcio sono affaristi, non sono persone a cui interessa ardentemente questo gioco. Quello che interessa è trovare i soldi. Nuovi soldi. Ecco perché ci sono gli Stati Uniti ai quarti. Ecco perché la Corea del Sud. E per fortuna il Giappone è stato arbitrato da Collina, perché chissà se ci fosse stato una delle Barbie di Blatter cosa sarebbe successo. Tipo un arbitro dell’Angola, della Nuova Zelanda, dell’isola di Pasqua, della Groenlandia, come piace alla Fifa e al Lanzone (Sagre Mondiali, Rai Uno, seconda serata)

Nella scheda personale alla domanda “Qual è il suo miglior ricordo della carriera?”, il nostro giustiziere Moreno risponde: “Aver fatto il quarto uomo nella Confederation Cup lo scorso anno. A fine gara sono stato presentato a Blatter”. Andiamo bene.

Ora vengono fuori tutti i critici della Nazionale. Dicono che Trapattoni doveva mettere in campo un’altra formazione, doveva lasciare in campo il cadavere corrente (Del Piero), doveva mettere prima Montella, doveva cercare il 2-0 (così non si arrivava a soffrire). Alcuni dicono che doveva mettersi un bikini e sculettare. Altri dicono che doveva vestirsi con un abito da arleDel Pierocchino, mettersi un naso rosso e una parrucca arancione e truccarsi la faccia di bianco con le labbrone rosse. E’ vero, il Trap non è un offensivista, non lo è mai stato e mai lo sarà. E’ vero anche che la nazionale non ha giocato granchè bene. Ma i fatti sono abbastanza inopinabili: il vero golden gol era quello di Tommasi ed eravamo già ai quarti. Questo non me lo toglie dalla testa nessuno. E ancora: con i due gol buoni annullati contro la Croazia avevamo tre punti in più nel gironcino eliminatorio. Con il gol contro il Messico di punti ne avevamo altri due. Saremmo passati come prima del girone e avremmo incontrato gli Stati Uniti. Ma con i “se” non si fa un centesimo della storia, nemmeno quella sportiva. E c’è solo da indignarsi. C’è da regalare i Mondiali agli altri.

Sento ora che Carraro non vuole ritirare Collina. Peccato. Sarebbe stato già un gesto coraggioso. Ma il più coraggioso all’interno della Figc è Trapattoni e questo è tutto dire. E' finita

La Figc vuole continuare a fare la parte dello zimbello anche della federazione calcistica del Madagascar. Il “vuoto politico” non l’ho mai concepito, ma ora capisco cosa vuol dire e questo proprio grazie a Carraro. Pare che Carraro, quando si presenta alle assemblee della Fifa, venga preso a schiaffi sul collo (quelle che qui a Livorno si chiamano “storcionate”). Delle volte è stato visto uscire mentre, a gambe larghe, si toccava il sedere, facendo una faccia che esprimeva evidentemente dolore. Blatter

La colpa non è di Trapattoni (che farei Ct a vita, fosse per me) è colpa di chi sta intorno a lui, sopra a lui. Lui è semplicemente una vittima di una incapacità di altri.

E ora tenetevi questo Mondiale. Ero partito con entusiasmo per la vittoria del Senegal. Finisco indignato per la vittoria del potere economico e politico. Ma finisco, comunque, convinto che il progetto di Blatter è praticamente fallito già in partenza. Perché organizzando, manipolando, pilotando in questo modo un campionato mondiale (cioè la manifestazione calcistica più seguita, ovunque), si perde pian piano la fiducia di tutti. Per primi i telespettatori. E gli introiti nelle casse della Fifa dai diritti televisivi non sono nocciolini.

A questo punto il Mondiale se lo possono pure tenere. Io ora tifo Senegal e Spagna.

Errata corrige: qui dentro ci sono tanti errori. Ma correggerli tutti sarebbe quasi impossibile. Ne dico due. Il pareggio della Corea è venuto di piede e non di testa come ho detto nella puntata precedente. E i gol annullati all’Italia sono stati cinque e non quattro. Purtroppo la rabbia fa sbagliare.

Pignolo 20 giugno 2002 - Diego Pretini

52

Speciale Mondiali 2002 


Home ElbaSun
www.elbasun.com - il sito del SOLE