Renato Lonža

Lettera n° 1

Carissima N.A.

Girando in Internet su di un diario ho trovato questa fabula.
L’ho rimaneggiata ed ora te la racconto, naturalmente, per darTi da pensare non per narrarTi una fiaba.
Una Rosa
Sulla mia strada ho trovato una rosa, una pianta forte, vigorosa, sporge dal giardino di una casetta, non è una rosa selvatica. Sta davanti a me e per passare dovrei cambiare direzione. E' una Rosa bellissima, mai vista una così. Ha un profumo delicato ma inebriante e colori tenui, magici. Questa è speciale, magnetica, non riesco a distogliere lo sguardo da Lei. Ondeggiando al vento sembra chiedermi di raccoglierla, dirmi che mi donerà i suoi colori e il suo profumo con tutta la magia di cui sarà capace, saranno solo per me. Come tutte le rose anche Lei ha le sue spine e non fa niente per nasconderle, anzi, le mette bene in mostra quasi a volermi mettere in guardia. Le spine lasciano dolorose ferite. Intanto ondeggiando al vento sparge il suo inebriante profumo. Potrei raccoglierla rischiando di pungermi, ma, è solo un rischio non una certezza. L'unica certezza che ho è che se non la coglierò non saprò mai cosa si prova ad accarezzare i suoi petali vellutati e lasciarsi andare al suo inebriante profumo. Oppure potrei lasciarla lì e vivere con il rimpianto di non avere saputo cogliere l'attimo. Intanto non faccio nulla, resto a guardare, stupito ed ammaliato nello stesso tempo e la Rosa continua ad ondeggiare al vento.

giugno 2006.

  LETTERE D'AMORE

www.elbasun.com - il sito del SOLE
www.elbasun.com
Il sito del SOLE

© 2003 ElbaSun Tutti i diritti riservati.