Nadia

Lettera n° 5

Nadia
perchè soffrir per il tuo insano amor?

E' per ciò che tu mi regalasti che io invocai la leggerezza dell'essere nelle inquiete notti, dove i fantasmi di un'era che fu, morirono nell'oblio della muta stagione. Ora tutto è dimenticato nella solinga ora che muta il destino crudele dell'umana vita nel gioco degli specchi che deformano il mio viso dall'impronta così crudele. Ritornai e ti persi nel calore del ricordo che più non è, nell'incertezza del tempo che rigenera fantasie damascate come preziosi gioielli rubati a Mida.

Or dunque ti perdei davvero? Non fu Campana e Sibilla a tener uniti le nostre ore oziose e vogliose di rimembrar la solerte e tacita sorte?

Ricordi Marradi nella mattina ancor giovane che ci parlò degli amanti mai più ritrovati?

Non fu dunque Gozzano a sussurrar ad Amalia la perduta ora?

Vedi di loro non ho la fibra, non ho le certezze che la primavera dà: mai più oserò tanto nell'ebete sorriso che mi rassomiglia.

Maurizio M....

 

  LETTERE D'AMORE

www.elbasun.com - il sito del SOLE
www.elbasun.com
Il sito del SOLE

© 2004 ElbaSun Tutti i diritti riservati.