MALENA
critica

Questo atteso film di Giuseppe Tornatore, ci porta in una dimensione fra il sogno e la realtà, la storia d’amore impossibile fra un adolescente ed una donna bellissima, in una Sicilia tanto vera storicamente, quanto grottesca. Malena rappresenta la femmina, quell’universo sconosciuto, che è stato motore di tutto in Sicilia, anche la rabbia con cui le donne linciano Malena è l’esplosione con cui le donne si vendicano delle violenze subite. Malena era pronta a sposare anche chi l’ha violentata pur di riacquistare dignità. In questo film vi è una contrapposizione fra il Bene, rappresentato dall’amore di Renato ed il Male rappresentato da tutto ciò che si contrappone alla realizzazione di questo amore. Bellissimi i luoghi dove è stato girato il film, Siracusa, il lungo mare di Ortigia, Noto, la pescheria di Catania di notte. La caratterizzazione di certi personaggi, i professore, il farmacista, l’avvocato. Splendida la fotografia di Lajos Voltai, che aveva curato anche la fotografia di “La legenda di un pianista sull’oceano”. Monica Bellucci è bellissima e perfettamente a suo agio nel ruolo, mentre è straordinario il giovane Giuseppe Sulfaro, alla sua prima esperienza cinematografica.


Archivio

Home Page
www.elbasun.com