Accordi e disaccordi

LocandinaLa scena si svolge nell'America del proibizionismo, la struttura di un finto documentario (Zelig), dove anche Allen compare, intervistato, in veste di critico, Emmet (Sean Penn) un tipo strano ("Solo raccontando personaggi che attraversano una serie di crisi riesco a renderli interessanti o divertenti, quindi gli cre sempre problemi" dice Allen) vanesio, un po' pappa, spendaccione, mezzo alcolizzato, ignobile ("E' il mio giorno libero: ne voglio una che parla!" dopo aver scoperto che la ragazza che ha adescato per la serata muta), inaffidabile e consapevole del proprio destino ("Prima o poi tutti i sogni vanno in fumo"), la cui vita legata indissolubilmente alle due co-protagoniste, la tenera, mangiona, dolce, fragile quasi di porcellana, la muta Hettie (Samantha Morton), e l'inquietante scrittrice, portatrice del nulla, l'affascinate ed altera Blanche (Uma Thurman), Emmet col passare del tempo ci diventa simpatico, commovente familiare,ha un grande io, anche nei momenti peggior depressione, gli basta prendere in mano la chitarra per ridargli forza, ha pochi punti fermi nella vita, la chitarra, e portare le sue donne a vedere il treno che passa, o sparare ai topi. E come una stella che cade, e tu non ti accorgi di lei, cosi Emmet passa nella vita delle sue donne, che non si preoccupano quando lui scompare.


ArchivioCritica

Home Page
www.elbasun.com