2001 Odissea nello spazio
trama

Locandina

Il film è tratto da un racconto di A.C. Clarke in cui si immagina un segnale sentinella posto da entità extraterrestri sulla luna.

1^ parte L’alba dell’uomo: Il mondo all’epoca del Pleistocene un gruppo di scimmie in lotta con altri animali per il cibo un sibilo li terrorizza proviene da un monolito uscito dalla terra poi in una lotta fra scimmie, una di esse, tramite un rudimentale processo intellettivo utilizza un osso di animale come arma, l’osso con un grido di trionfo viene lanciato in aria e man mano diventa un’astronave che volteggia nello spazio (siamo nel 2000) essa trasporta il dottor Floyd. Giunto alla base incontra scienziati russi ma è evasivo quando gli chiedono perché Clavius, la base americana su cui è diretto, è in quarantena. Giunto su Clavius viene messo al corrente del ritrovamento del monolite, che è la prova di dell’esistenza di una civiltà extraterrestre, perché perfetto, levigatissimo, impossibile a scalfirsi.

2^ parte in missione verso Giove un anno e mezzo dopo : L’astronave si avvicina verso Giove, da dove vengono le radiazioni solo il perfetto HAL 9000, il calcolatore di bordo che vede, pensa e parla, è informato sullo scopo della missione, è lui che sembra non fidarsi degli uomini e che ha dei dubbi sulla missione, provoca i due astronauti, Frank Poole e David Bowman, con un falso errore, nel quale perde la vita Poole, disattiva le funzioni vitali dei tre scienziati ibernati al seguito della spedizione, Bowman si salva a stento, e procede alla disattivazione di HAL che reagisce alla “morte” in modo “umano” con strazianti suppliche e lamenti e con canzoncine ricordi di “infanzia”. L’uomo adesso procede da solo.

3^ parte Giove e l’infinito : A questo punto è l’occhio di Bowman che diviene protagonista attraverso visioni spazio – temporali che rompono le dimensioni precedenti. Infine quando l’occhio si riposa Bowman l’astronauta si ritrova in una stanza settecentesca il suo volto cambia, l’astronave scompare, Bowman passa dalla maturità alla vecchiaia all’agonia, mentre muore compare il monolito, che si trasforma in feto astrale, che guarda verso di noi misterioso e quasi pauroso.


ArchivioCritica

Home Page
www.elbasun.com